Search

Il gioco è vietato ai minori di anni 18. Giocare troppo può causare dipendenza patologica.Probabilità di vincita

Altri giochi e news

Wimbledon 2020 annullato a causa del Coronavirus

Postato il: 06/04/2020

Wimbledon, il torneo di tennis più famoso del mondo, non si giocherà nel 2020 a causa della pandemia del Coronavirus.

 

La notizia è stata annunciata dal All England Lawn Tennis Club.

È la terza volta nella storia, che il torneo viene annullato (le precedenti furono durante le due Guerre Mondiali), lasciando una grande delusione sia tra i partecipanti sia tra i tifosi.

Sicuramente la delusione più grande l’ha avuta Federer, che dovrà aspettare l’estate 2021 per avere la sua rivincita a Wimbledon e per partecipare alle Olimpiadi.

Il tennista ha espresso il suo enorme dispiacere con il seguente Twitter:

Così, anche la 134esima edizione di Wimbledon, come le Olimpiadi di Tokyo e gli Europei di Calcio, si terrà nel 2021 e, più esattamente, si giocherà dal 28 giugno all'11 luglio 2021.

 

La storia del torneo di Wimbledon

Il torneo di Wimbledon si disputò per la prima volta nel 1877, diventando il torneo di tennis più famoso e più antico della storia.

Il torneo si gioca tutti gli anni tra giugno e luglio, appunto, a Wimbledon, ed è il terzo torneo del Grande Slam.

La sua particolarità è che è l’unico SLAM ad essere giocato sull’erba. Inoltre, ci sono regole molto ferree per i tennisti che partecipano e che sono rimaste invariate nel corso della storia.

Ecco quali sono:

  • • il vestiario dei tennisti dev’essere bianco (l’unico colore sulle divise può essere quello dei loghi sui marchi);
  • • l’inchino dei giocatori davanti al palco reale se ci sono i membri della famiglia reale;
  • • le uniformi dei giudici arbitri e giudici di linea.

Wimbledon è il torneo simbolo del tennis, quello che tutti i giocatori vorrebbero vincere per entrare a far parte della storia del tennis!

Infatti, Wimbledon è un torneo storico che dalla prima edizione ha sempre regalato grandi emozioni, come nessun altro torneo sa fare, sia a giocatori che a tifosi.